comitatobelluttipres
comitatobelluttipres

facebook
instagram
twitter
whatsapp

Per maggiori informazioni, contattaci:

comitatobelluttipresidente@gmail.com

Comitato Bellutti Presidente 2020 @ tutti i diritti riservati

Il mio Manifesto per lo sport italiano
LO SPORT CHE VORREI

di Antonella Bellutti

marathonband

Scarica il documento in PDF

 

I benefici dello sport in tutte le sue articolazioni, dall’attività motoria all’educazione fisica, dall’avviamento allo sport all’agonismo, sono ormai noti. L’attività fisica e sportiva, praticata dall’infanzia alla vecchiaia, favorisce la salute, il benessere, lo stile di vita attivo, il senso di appartenenza, la coesione sociale e l’inclusione.
Una società che riconosce allo sport pieno diritto di cittadinanza tutela risorse imprescindibili per la crescita individuale e collettiva; perciò lo sport, esercitato nelle sue forme più semplici e spontanee, è libero da vincoli e richiede spazi e luoghi dedicati all’attività autonoma dei cittadini.
L’esperienza e le competenze del Comitato Olimpico Nazionale e del Comitato Paralimpico, patrimonio prezioso e imprescindibile, sono valorizzate mediante il corretto bilanciamento col ruolo di vigilanza dello Stato, garante del libero accesso allo sport per tutte e tutti.
Il valore culturale riconosciuto allo sport da parte delle istituzioni dedicate si esplicita con un approccio rigoroso, con capacità programmatiche e collaborative che sono, a loro volta, esempio virtuoso di applicazione di quel valore.
Lo sport è un potente motore economico per un giro d’affari da 60 miliardi, pari a quasi il 4% del PIL. Eque politiche di riequilibrio delle risorse e d’investimento possono accrescere settori o discipline e produrre effetti virtuosi anche indiretti. 
La maggiore collaborazione con gli organi preposti dell’Unione Europea contribuirà a potenziare la dimensione comunitaria dello sport in sinergia con gli Stati membri, le organizzazioni sportive, la società civile e i cittadini.
La nuova distribuzione di compiti in materia sportiva fra il CONI, il Ministero e la società Sport e Salute va accolta come opportunità per una migliore cooperazione e un maggior ascolto delle istanze sportive di base, sì da assicurare con esse una fattiva collaborazione per gli imminenti Giochi di Tokyo - posticipati al 2021 a causa della pandemia - e in prospettiva dei Giochi Olimpici e Paralimpici del 2024.

giustizia

Quale espressione di esperienze essenziali per la vita e il progresso umano nonché della sua stretta connessione alla salute, il diritto allo sport si inserisce implicitamente nella logica costituzionale e viene tutelato con l’istituzione di fondi strutturali per il Comitato Olimpico Nazionale e per il Comitato Paralimpico Nazionale; un apposito Ministero, dotato di portafoglio, pratica adeguate politiche di sostegno a livello territoriale.

antidoping

L’autonomia dello sport sancita dall’ordinamento, è garantita con una corretta vigilanza da parte delle istituzioni dello Stato dedicate, affinché esso possa esprimere, nell’autorevolezza e nella legittimità, il completo valore delle sue diverse pratiche.  I finanziamenti pubblici sono gestiti a sostegno delle attività sportive di ogni livello, in coerenza con i valori che lo sport esprime e secondo criteri di trasparenza. Tuttavia il rispetto della legalità riguarda altresì la governance di tutto il mondo sportivo in ogni ambito e ad ogni livello, dalla democraticità delle elezioni alla lotta alle devianze quali doping, corruzione, scommesse illegali, abusi, illeciti; nonché contrasto alla violenza e alle molestie, all’abilismo, al razzismo, alla omolesbobitransfobia e ogni altra forma di discriminazione. 

educazionefisica

L’educazione fisica, materia del curricolo scolastico delle scuole di ogni ordine e grado, è di fondamentale importanza per gli studenti, futuri cittadini, in quanto portatrice dei valori democratici di uguaglianza, solidarietà e inclusione insiti nel diritto costituzionale alla salute.
L’insegnamento pratico e teorico richiesto dalla complessità della materia viene affidato, anche nella scuola primaria, alla competenza specifica dei laureati in Scienze Motorie, in armonia con il monte ore adeguato alla media europea, rispondente alle esigenze di salute e sostegno alla crescita dei giovani e delle giovani del nostro Paese.

 

sittingvolley

Le molteplici dimensioni del fenomeno sportivo e la relativa varietà di contenuti favoriscono un’offerta esperienziale multidisciplinare, attuabile in sinergia tra scuola, società sportive ed enti di promozione sportiva. Attraverso lo sport, si migliorano la qualità e la quantità degli stimoli offerti in giovane età, al fine di proporre un modello di vita consapevole e inclusivo, ricco di benefici fisici, psichici, sociali. Tutte e tutti possono accedere alla pratica sportiva, favorita dalla separazione tra l’avviamento, la pratica e l’agonismo; sono garantite le pari opportunità e la protezione da ogni fonte di discriminazione. I mass media comunicano e narrano lo sport con un linguaggio che esprima contenuti liberi da allusioni sessiste e rispettoso del genere e di ogni diversità.

golf

A) Riforme e programmazioni strutturali. Lo sport quale fenomeno sociale universale è parte integrante del concetto di sostenibilità intesa come capacità di integrazione a politiche pubbliche, metodologie e buone pratiche, ispirate e poste al servizio di un progetto rivolto al futuro.
B) Sostenibilità Ambientale e Grandi Eventi. I grandi eventi non possono prescindere dalla ricaduta ambientale che determinano; impianti e infrastrutture devono essere in coerenza col territorio e rappresentarne una reale, utile, sostenibile eredità. 
C) Edilizia urbana al servizio dello sport. L’ edilizia urbana recupera spazi verdi e zone libere da dedicare alla libera attività motoria dei cittadini di tutte le età, ivi comprese le piste ciclabili e pedonabili atte a incentivare gli spostamenti ecologici e salutari, in sicurezza.
D) Edilizia sportiva. L’edilizia sportiva è progettata e realizzata in modo da assicurare una fruibilità universale.

agonismo

A) Lavoro sportivo.  L’agonismo di alto livello prevede per i suoi praticanti la tutela dei diritti riservata a lavoratrici e lavoratori, atlete e atleti. La situazione imperante di discriminazioni, ghetti, lavoro nero, sfruttamento va denunciata, combattuta e risolta con fermezza e determinazione.
B)  Doppia carriera.   La doppia carriera, quale estensione del diritto allo studio per gli atleti di alto livello, è istituzionalizzata e organizzata con linee guida nazionali.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder